Richiesta invalidità civile

Dal 1° gennaio 2010 la domanda per il riconoscimento dell'invalidità, deve essere presentata all’INPS esclusivamente per via telematica.

Il cittadino deve recarsi presso un medico abilitato alla compilazione telematica del certificato medico introduttivo che attesti le infermità invalidanti.
Il medico, completata la procedura di generazione del certificato, provvederà a stampare e consegnare al richiedente una ricevuta, in cui è indicato il numero di certificato che dovrà essere riportato, entra trenta giorni dalla data di rilascio, nella domanda compilata on line.
A questo punto, il sistema inoltrerà la domanda all’INPS fornendo anche l’avviso di avvenuta ricezione e successivamente gli estremi del protocollo informatico e, eventualmente, i riferimenti della convocazione a visita (luogo, data e orario).


Il riconoscimento dell'invalidità

Gli invalidi civili hanno diritto a contributi economici, agevolazioni fiscali e benefici che possono contribuire a migliorare la loro vita.
A seconda del grado d'invalidità si ha diritto alle varie prestazioni.

Invalido civile è:

  • la persona (di età tra i 18 e i 65 anni) con menomazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo. (compresi gli irregolari psichici e le insufficienze mentali derivanti da difetti sensoriali e funzionali) e che ha una riduzione della capacità lavorativa non inferiore a 1/3;
  • il minore di anni 18 con difficoltà persistenti a svolgere compiti e funzioni proprie dell’età;
  • il cittadino con più di 65 anni con difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie della sua età.
    Non sono considerati invalidi civili, gli invalidi di guerra, del lavoro o per servizio, i ciechi civili e i sordomuti che sono tutelati da norme specifiche.

L'invalidità civile deve essere accertata e riconosciuta. Disposizioni particolari sono previste per i malati oncologici.


Cosa deve fare l'interessato 

Chi ritiene di essere invalido, cieco o sordomuto e vuole ricevere le prestazioni economiche legate a tale stato (assegno, pensione, indennità) deve superare due esami:

  • controllo sanitario, per confermare la presenza di una invalidità che abbia le percentuali previste dalla legge;
  • controllo amministrativo, per stabilire se è in possesso degli ulteriori requisiti previsti per le specifiche prestazioni (ad esempio: redditi personali entro i limiti fissati ogni anno dalla legge).

E`quindi possibile essere riconosciuto invalido ma non avere la prestazione economica.

Per saperne di più


Icona documento 'Formato PDF' Guida all'Invalidità (formato PDF - 990 KB)

ico_pdf Circolare n.131 sull'invalidità (formato PDF  - 309 KB)
 
 
 

Ultimo aggiornamento: 03 July 2015

Pagine collegate

Monza True emotion

Per valorizzare l’offerta turistica e commerciale in città

Sportello Monzabitando

Agevolazioni fiscali e garanzie per i proprietari di alloggi sfitti o invenduti.

Progetto Co-Working

Servizi a supporto ai cittadini

Tenga il resto - contro lo spreco alimentare

Il pasto non consumato si può portare a casa.

Una città per te

Percorso partecipativo a supporto dei procedimenti correlati al PGT.

Consulte di quartiere

Organi creati per consentire la partecipazione e consultazione dei cittadini.

Casa delle Culture

Un progetto per superare pregiudizi e comportamenti discriminatori e razzisti

Musei civici di Monza

Oltre 140 opere di arte e di storia cittadina.

Defibrillatori in città

40 defibrillatori in città per prestare un primo soccorso alle persone in arresto cardiaco.

Pulizie di Primavera

La manifestazione che coinvolge migliaia di cittadini e associazioni per abbellire la città

Aiutaci a migliorare