Contributi per affitto case popolari

Regione Lombardia vuole sostenere con un contributo di solidarietà, a carattere temporaneo, gli assegnatari degli alloggi pubblici in difficoltà economiche e impossibilitati al pagamento del canone di locazione e delle spese condominiali.

Le risorse regionali per l’assegnazione del contributo ammontano a 125.000 euro.


Requisiti

Gli assegnatari devono:

  • aver adempiuto all’obbligo dell’aggiornamento dell’ultima anagrafe utenza
  • essere inclusi nell’Area di Protezione e nell’Area di Accesso
  • trovarsi, a causa di un peggioramento della situazione economica, nell’impossibilità effettiva a sostenere il costo della locazione sociale, dato dalla somma delle spese per il canone di locazione e delle spese per i servizi comuni
  • avere una permanenza minima nell’alloggio comunale, con riferimento alla data di stipula del contratto di locazione, non inferiore a 18 mesi dalla data di presentazione della domanda
  • aver già manifestato, alla data del 28 luglio 2016, al Comune la volontà di concordare soluzioni funzionali a contenere e ridurre la morosità nel pagamento delle spese della locazione sociale;
  • avere un debito verso l’ente per canoni di locazione e/o per i servizi comuni connessi alla locazione, non superiore a 4.000 euro.

I requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

Gli assegnatari devono impegnarsi a:
- sottoscrivere il Patto di servizio con l’ente proprietario, allegato al presente avviso, che disciplina gli impegni reciproci
- corrispondere regolarmente le mensilità del canone di locazione a far data dalla sottoscrizione del Patto di servizio
- mantenere aggiornata la propria posizione anagrafica ed economico-patrimoniale nell’ambito dell’anagrafe utenza
- attivare un percorso di politica attiva del lavoro presso uno degli operatori accreditati all’albo regionale per i servizi al lavoro, nel caso in cui versi in uno stato di disoccupazione, entro tre mesi dalla data di sottoscrizione del Patto di servizio.


Contributo

Importo massimo è di 1.200 euro: fino al 60% serve per ripianare il debito pregresso nei confronti dell’ente proprietario e la restante quota come abbuono per la copertura dalle sole spese dei servizi comuni maturate entro il 31 dicembre 2016.

Le spese dei servizi comuni riguardano le spese relative al servizio di pulizia, all'asporto dei rifiuti solidi, al funzionamento e all'ordinaria manutenzione dell'ascensore, alla fornitura dell'acqua, della energia elettrica, del riscaldamento e del condizionamento dell'aria, allo spurgo delle fognature, dei pozzi neri e delle latrine e alla fornitura di altri servizi comuni.


Domanda

Redatta sul modulo allegato, deve essesere consegnata dall'8 settembre ed entro le ore 12.00 del 10 ottobre 2016 con le seguenti modalità:

  • direttamente all'ufficio Edilizia Residenziale Pubblica
  • raccomandata con avviso di ricevimento Farà fede la data di ricezione della domanda da parte dell’Ufficio Protocollo del Comune di Monza.
  • via PEC. Per l'utilizzo di tale modalità il richiedente deve essere in possesso di una casella di posta eletronica certificata.

Graduatoria e controlli

Con le domande ammissibili verrà formulata una graduatoria tenendo conto del valore ISEE-ERP in ordine crescente e, in caso di medesimo valore ISEE-ERP, sulla base del valore della morosità in ordine decrescente;

La graduatoria finale è composta dalle domande ammissibili e finanziabili, ammissibili e non finanziabili per esaurimento delle risorse, e dalle domande non ammissibili, ed è pubblicata sul B.U.R.L. entro trenta giorni dal termine di presentazione delle domande.

Entro i successivi 15 giorni dalla pubblicazione della graduatoria gli inquilini beneficiari del contributo regionale di solidarietà, devono sottoscrivere il Patto di servizio con l'ufficio E.R.P.

Nel caso in cui il beneficiario del contributo non sottoscriva il Patto di servizio il contributo viene revocato con un provvedimento dell’Ente

Non saranno ammesse domande incomplete, o mancanti di uno dei requisiti, non debitamente firmate, o con dichiarazioni mendaci in relazione all’aggiornamento dell’anagrafe utenza o prive in tutto o anche in parte della documentazione richiesta.

Il Comune di Monza, ufficio E.R.P. erogatore del contributo, svolgererà dei controlli per verificare la veridicità delle dichiarazioni.
Se a seguito del controllo risultasse che il contributo regionale è stato indebitamente riconosciuto, il Comune procede alla revoca immediata e al recupero del contributo.


Trattamento dati personali

Titolare del trattamento è il Comune di Monza, nella persona del suo legale rappresentante.
I dati forniti sono trattati esclusivamente per le finalità di cui al presente avviso.


Normativa

Regolamento regionale 10 febbraio 2004, n. 1 “Criteri generali per l’assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica” aggiornato con il Regolamento regionale 20 giugno 2011, n.3

Legge regionale 4 dicembre 2009, n. 27 “Testo Unico dell’edilizia residenziale pubblica” e Legge regionale 8 luglio 2016, n. 16 “Disciplina regionale dei servizi abitativi”.


Modulistica

Bando (formato PDF - 102 KB)

Domanda (formato PDF - 72 KB)
  Patto di servizio (formato PDF - 85 KB)
E' possibile compilare online i moduli con la versione XI di Adobe Reader (scaricabile qui).

 

 

Ultimo aggiornamento: Mon Oct 16 09:40:35 CEST 2017
Data creazione: Thu Aug 18 11:59:59 CEST 2016

Pagine collegate

Monza True emotion

Per valorizzare l’offerta turistica e commerciale in città

Sportello Monzabitando

Agevolazioni fiscali e garanzie per i proprietari di alloggi sfitti o invenduti.

Itinerari ciclabili

36 km di itinerari ciclabili da scoprire

Tenga il resto - contro lo spreco alimentare

Il pasto non consumato si può portare a casa.

Monzaccessibile

Luoghi pubblici accessibili alle persone con disabilità

Consulte di quartiere

Organi creati per consentire la partecipazione e consultazione dei cittadini.

Casa delle Culture

Un progetto per superare pregiudizi e comportamenti discriminatori e razzisti

Musei civici di Monza

Oltre 140 opere di arte e di storia cittadina.

Defibrillatori in città

40 defibrillatori in città per prestare un primo soccorso alle persone in arresto cardiaco.

Pulizie di Primavera

La manifestazione che coinvolge migliaia di cittadini e associazioni per abbellire la città

Aiutaci a migliorare