Servizi

Servizi cimiteriali e di pulizia, spazzamento viali, raccolta smaltimento rifiuti, custodia e sorveglianza e interventi manutentivi presso il Cimitero Urbano di via Foscolo e il Cimitero di San Fruttuoso di via Marelli. Codice CIG 6621023107

Scadenza: Thu May 05 09:27:00 CEST 2016

Sedute di gara: Seduta di gara per comunicazione esito attività di verifica congruità e aggiudicazione provvisoria - giorno 12/10/16 ore 9,30 Palazzo Municipale, III° piano stanza 334 - p.zza Trento e Trieste Monza

Presenza Criteri Ambientali minimi:

Icona documento 'Formato PDF' Determina a Contrarre (formato PDF - 384 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Bando (formato PDF - 359 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Disciplinare (formato PDF - 952 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Capitolato (formato PDF - 478 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Planimetria Cimitero Urbano (formato PDF - 46 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Quantità Rifiuti (formato PDF - 403 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Planimetria Cimitero San Fruttuoso (formato PDF - 742 KB)
Icona documento 'Formato PDF' ELENCO PARTECIPANTI (formato PDF - 43 KB)
Icona documento 'Formato PDF' Aggiudicazione provvisoria (formato PDF - 53 KB)

CHIARIMENTI

1) Quesito: In caso di consorzio ordinario di concorrenti lettera d) ed e) equivalente ad in ATI già costituita, le referenze bancarie devono essere prodotte dal Consorzio o dalle consorziate? Se si in che numero.
1) Risposta: Si evidenzia che il disciplinare di gara al punto 4 (pag. 3) precisa che “non è ammessa la partecipazione del consorzio ordinario (art. 34 c.1 lett. e del D.Lgs 163/06) per conto solo di alcune consorziate. Le consorziate interessate possono partecipare presentando apposito atto di impegno a conferire alla capogruppo, in caso di aggiudicazione, mandato collettivo speciale (Cfr. parere n.158/2009 dell'Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici), con l'indicazione delle quote di esecuzione del contratto. In tale ipotesi trovano applicazione tutte le disposizioni previste per i raggruppamenti temporanei”.
Pertanto, alla luce di quanto sopra illustrato, al consorzio ordinario si applicano le disposizioni di gara e del D. Lgs. n. 163/06 previste per le associazioni temporanee di imprese.
Rispetto al requisito di cui al punto 7 pag. 6 del disciplinare di gara, si applica la seguente prescrizione: “In caso di A.T.I. ciascuna impresa componente il raggruppamento deve presentare, a pena di esclusione, una referenza bancaria”.

2) Quesito: Si chiede il nominativo della società che attualmente esegue il servizio.
2) Risposta: Attualmente il contratto d'appalto dei servizi cimiteriali di manutenzione, di raccolta e smaltimento di rifiuti, di custodia e sorveglianza dei cimiteri, è affidato all'impresa Sangalli Giancarlo & C. s.r.l. con sede in Monza in A.T.I. con l'impresa Nuova Malegori s.r.l. con sede in Roma e la Cooperativa Produzione e Lavoro Eugenio Dugoni Soc. Coop. a r.l. con sede in Mantova.

3) Quesito: Alla sezione III.2.3. del bando si chiede di aver svolto con buon esito nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando, servizi di custodia e sorveglianza di valore complessivo pari o superiore ad € 250.000,00. Il servizio di custodia e sorveglianza deve essere inteso come esclusivo e univoco o può essere interpretato come servizio generale in cui sono compresi oltre i servizi di custodia e sorveglianza anche altri servizi (pulizie ecc.)
3) Risposta: Il requisito di cui alla sezione III.2.3 del bando e al punto 8 lettera b) del disciplinare (pag. 6)  può essere interpretato come  servizio generale in cui sono compresi oltre ai servizi di custodia e sorveglianza anche altri servizi SOLO A CONDIZIONE che il concorrente, in sede di autocertificazione di gara  e di comprova del possesso di detto requisito di capacità tecnica, sia in grado di scorporare l'importo del servizio di custodia e di sorveglianza e di documentare/comprovare detto valore (mediante i certificati di regolare esecuzione del servizio ex art. 48 del D. Lgs. n. 163/06). Si invitano i concorrenti rientranti in detta fattispecie a voler specificare detta circostanza già in sede di gara specificando, oltre ai committenti dei servizi, alle prestazioni svolte ed ai periodi di esecuzione, anche il dettaglio degli importi riferito ai servizi di  custodia e di sorveglianza.

4) Quesito: Essendo il nostro consorzio un consorzio di cui all'articolo 34 comma 1 lettera b) del D. Lgs. 163/2006 si chiede:
1. se le due referenze bancarie devono essere presentate solo dal consorzio o anche dalla consorziate indicate quali esecutrici del servizio;
2. se i requisiti di capacità tecnica di cui al punto 8 lettere a), b), c), d) ed e) devono essere posseduti totalmente dal consorzio oppure dal consorzio e dalle consorziate indicate quali esecutrici del servizio fino al raggiungimento del requisito richiesto.
4) Risposta: 1. Come stabilito al punto 7 (pag. 6) del disciplinare di gara “In caso di consorzio di cui all’art. 34, c. 1, lett. b) e c) del D. Lgs. n. 163/2006 il requisito deve essere presentato, a pena di esclusione, dall’ente consortile”.
2. Tenuto conto di quanto stabilito dall'Anac con pareri n. 104-105/2014 trova applicazione la prescrizione prevista dal disciplinare di gara (pag. 7)  per i consorzi stabili “...i requisiti devono essere posseduti, a pena di esclusione, dal Consorzio se partecipa in proprio. Nel caso in cui l’Ente Consortile partecipi per conto di una o più consorziate i requisiti devono essere posseduti, a pena di esclusione, dalle consorziate indicate quali esecutrici del servizio per quanto da ciascuna posseduto fino al raggiungimento del requisito richiesto, ...”.

5) Quesito: Si chiede di chiarire se, in caso di ATI di tipo orizzontale, quanto previsto all'art. 8.d) del disciplinare di gara ovvero il possesso della qualificazione SOA nella cat. OG1 classifica I, debba essere posseduta da un solo soggetto dell'ATI.
5) Risposta: Se per l'esecuzione delle opere di cui alla categoria OG1 il concorrente intende partecipare mediante A.T.I. di tipo orizzontale,   tutti i soggetti componenti l'A.T.I.  devono essere qualificati. Se per l'esecuzione delle opere di cui alla categoria OG1 il concorrente intende partecipare mediante A.T.I. di tipo verticale detto requisito deve essere posseduto dall'impresa associanda che intende assumere le lavorazioni ricomprese nella predetta categoria.

6) Quesito: 1) Si chiede il numero medio annuo delle diverse operazioni eseguite storicamente nei due complessi cimiteriali nell'ultimo triennio; 2) Art. 06 del capitolato speciale d'appalto. Si vuole evidenziare che i rifiuti da esumazione ed estumulazione,  sono "per legge" definiti urbani (art. 184, comma 2, lettera f del D.lgs. n°152/06) e quindi di competenza del Comune (art. 198 dello stesso D.lgs.), che deve provvedere alla gestione dei rifiuti urbani in regime di privativa nelle forme previste dalla specifica normativa in materia di "gestione delle reti ed erogazione dei pubblici servizi locali a rilevanza economica (D.lgs. n°267/2000, art. 113). Lo smaltimento dei rifiuti urbani, pertanto, non si ritiene debba essere a carico dell'appaltatore di questa gara, ma che debba rientrare nelle gestione comunale (e quindi contemplato nel relativo PEF) ed effettuato dal soggetto che attualmente gestisce il pubblico servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani comunali. Inoltre, il codice CER attribuito a tali rifiuti urbani, secondo le indicazioni fornite dal Ministero dell'Ambiente e dall'ISPRA (nota ISPRA del 20/7/2009) è il CER 20.03.99. Si chiede conferma, per tali ragioni, che l'iscrizione all'albo nazionale gestori ambientali per la cat. 5 non sia necessaria; 3) Art. 09 del capitolato speciale d'appalto. Si chiede di poter avere a disposizione il computo metrico estimativo e l’elenco prezzi unitari ed a corpo citati nel suddetto articolo; 4) Art. 22 del capitolato speciale d'appalto. Si chiede conferma che nell'elenco delle prestazioni a carico dell'Appaltatore vi siano dei riferimenti ad operazioni che non rientrano nello specifico appalto, quali "monoblocchi prefabbricati, chiusura con teli durante il periodo stagionale sfavorevole, conduzione alla cave di materie infette, contenimento del livello di inquinamento acustico, armatura di scavi"; 5) Art. 37 del capitolato speciale d'appalto. Al fine di valutare al meglio le prestazioni dei servizi cimiteriali si chiede la possibilità di disporre del regolamento Comunale di Polizia Mortuaria; 6) Art. 42 del capitolato speciale d'appalto. Si chiede a quali lavori relativi all'appalto sono riferite le norme tecnologiche elencate nel citato articolo.
6) Risposta: 1) la quantità delle diverse operazioni cimiteriali (inumazioni, tumulazioni, estumulazioni, esumazioni, operzioni di camera mortuaria, ecc.) sono indicate nel computo metrico estimativo, quest'ultimo sarà fornito in sede di presa visione dei luoghi; 2) - Art. 6 CSA: Si conferma il requisito di capacità tecnica richiesto, a pena di esclusione,   al punto III. 2.2) del Bando e al punto 8  lett. c) del Disciplinare di gara ovvero l'iscrizione all'Albo Nazionale dei gestori ambientali per la Cat. 4 Classe F e Cat. 5 Classe F, evidenziando che trattandosi di “vecchi cimiteri” ovvero aree di sepoltura in cui si è operato sulla base della pregressa normatva in materia,  si stima la presenza di materiali afferenti alla categoria 4  e alla categoria 5. In merito alla Classe F,  la stessa risulta essere la soglia minima individuata per classi in funzione di tonnellate annue di rifiuti da trattare; 3) e 5) - Art. 9 - Art. 37 CSA: il Regolamento di Polizia Mortuaria, il Computo metrico estimativo e l'Elenco prezzi unitari ed a corpo saranno consegnati in sede di presa visione dei luoghi; 4) - Art. 22 CSA: si conferma che SONO COMPRESI NELLE OPERAZIONI DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL PRESENTE APPALTO E QUINDI A CARICO DELL'APPALTATORE  tutto quanto espressamente indicato all'art. 22 del Capitolato Speciale d'Appalto e quanto sinteticamente indicato al quesito 4; 6) - Art. 42 CSA: trattandosi di norme generali le indicazioni dell'art. 42 sono da intendersi riferite a tutte le operazioni dell'appalto dei servizi cimiteriali con l'esclusione del servizio di custodia e sorveglianza.

7) Quesito: Con riferimento all'art. 21 dove si specifica che è normato il subappalto e, nel caso il partecipante intendesse subappaltare la parte relativa alla gestione dei rifiuti, i documenti richiesti (iscrizione all'Albo), come devono essere dimostrati?
7) Risposta: Per la partecipazione alla gara, nel caso in cui il concorrente intenda ricorrere al subappalto ai sensi dell'art. 118 del D. lgs. n. 163/06, è richiesta  idonea dichiarazione con l'indicazione delle attività da subappaltare. In mancanza il subappalto non sarà autorizzato. In caso di ricorso al  subappalto della gestione dei rifiuti l'impresa esecutrice del subappalto dovrà possedere le medesime caratteristiche indicate dal bando Cat. 4 Classe F e Cat. 5 e Classe F, in quanto la Classe F è la soglia minima individuata per classi in funzione di tonnellate annue di rifiuti da trattare.

8) Quesito: Avvalendosi del possesso della certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie ISO 9001 e del possesso della certificazione ambientale ai sensi della norma UNI EN ISO 14001, intende fruire dei benefici della riduzione dell'importo della garanzia provvisoria ex c. 7 art. 75 D.lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. (art. 16 comma 1 Legge 221/2015). L'importo da garantire con la cauzione provvisoria risulta quindi pari ad € 30.680,00 si chiede conferma.
8) Risposta: Si conferma la correttezza dell'importo da garantire indicato nella domanda. Si evidenzia che il possesso di detta certificazione dovrà essere documentato allegando copia del relativo certificato. Resta confermata la prescrizione di cui al punto 1 pag. 2 del disciplinare di gara: “Nell'ipotesi di raggruppamento  temporaneo di imprese, per  beneficiare di tale riduzione il requisito di cui sopra deve essere posseduto, a pena di esclusione, da tutte le Imprese associate o associande”.

9) Quesito: si chiede numero addetti ai servizi cimiteriali, alla pulizia e manutenzione; numero addetti alla custodia; profili orari contrattuali del personale assunto; CCNL applicato ed eventuali integrativi.
9) Risposta: - ADDETTI E ORARI NUOVO APPALTO PER SERVIZI CIMITERIALI, DI PULIZIA, SPAZZAMENTO VIALI, RACCOLTA RIFIUTI: - rif. artt. 37 e 38 del C.S.A., minimo n. 8 (otto) unità con presenza definita in 40 ore settimanali ripartite in sei giorni con esclusione della giornata di domenica.  
- ADDETTI E ORARI NUOVO APPALTO PER SERVIZIO DI CUSTODIA E SORVEGLIANZA: - rif.  Art. 39 del C.S.A., minimo n. 6 (sei) unità con presenza ripartita su sette giorni settimanali comprensivi delle festività anche infrasettimanali.
- N. ADDETTI APPALTO IN ESSERE PER SERVIZI CIMITERIALI, DI PULIZIA, SPAZZAMENTO VIALI, RACCOLTA RIFIUTI: - N. 6 unità con Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Multiservizi inquadramento 1° livello Con profilo orario di n . 40 ore settimanali ripartite su n. 6 giorni settimanali. N. 2 unità con Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Edilizia inquadramento! operaio specializzato 1 operaio qualificato con profilo orario di n. 40 ore settimanali ripartite su n. 6 giorni settimanali per entrambi.
- N. ADDETTI APPALTO IN ESSERE PER SERVIZIO DI CUSTODIA E SORVEGLIANZA: N. 6 unità con Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Multiservizi inquadramento 1à livello con profilo orario atto a garantire l’apertura e la chiusura e la sorveglianza dei cimiteri.

10) Quesito: 1) ai fini della partecipazione è richiesta iscrizione all'albo gestori ambientali Cat. 4 classe F e cat. 5 classe F, giacché la nostra società non è in possesso della suddetta categoria è sufficiente che il requisito sia in capo alla società che sarà indicata quale esecutrice del servizio in subappalto? 2) In riferimento al personale attualmente in servizio è possibile conoscere il CCNL applicato ed il tipo di contratto (part time con quota percentuale o full time).
10) Risposta: 1) il requisito di capacità tecnica richiesto al punto III. 2.2) del Bando e al punto 8 lett. c) del Disciplinare di gara ovvero l'iscrizione all'Albo Nazionale dei gestori ambientali per la Cat. 4 Classe F e Cat. 5 Classe F, è un requisito di partecipazione che deve essere posseduto dall'impresa concorrente, a pena di esclusione. 2) vedasi chiarimento n.9.

11) Quesito: La nostra società non essendo in possesso dell'iscrizione all'Albo Gestori Ambientali per le categorie 4 e 5 classe F, chiede se è possibile partecipare alla gara in oggetto subappaltando le attività di raccolta e smaltimento rifiuti ad impresa qualificata in possesso dell'iscrizione all'Albo gestori Ambientali per le suddette categorie e classi richieste. Chiede, inoltre, se debba essere indicato in sede di gara il nominativo dell'impresa subappaltatrice e i requisiti dalla stessa posseduti.
11) Risposta: Il requisito di capacità tecnica richiesto al punto III. 2.2) del Bando e al punto 8 lett. c) del Disciplinare di gara ovvero l'iscrizione all'Albo Nazionale dei gestori ambientali per la Cat. 4 Classe F e Cat. 5 Classe F, è un requisito di partecipazione che deve essere posseduto dall'impresa concorrente, a pena di esclusione. Se il concorrente intende subappaltare parte del servizio è sufficiente la dichiarazione di subappalto; non è necessaria l'indicazione del nominativo del subappaltatore.

12) Quesito: Con la presente sono a segnalare l’impossibilità a generare correttamente il PASSOE in quanto il sistema non prevede l’avvalimento per i requisiti di capacità tecnica ma solo per i requisiti generali. Si chiede di attivare tale possibilità o di avere indicazioni in merito a come procedere.
12) Risposta: Si comunica che da un controllo effettuato in data odierna nel sistema PASSOE, risulta previsto l'avvalimento sia per i requisiti di capacità economica  sia per quelli di capacità tecnica. Si suggerisce di contattare il numero verde 800896936.

13) Quesito: 1. Capitolato speciale d'appalto art. 6 pag. 9 “Definizione categoria rifiuti” Si richiedono le quantità annue dei rifiuti smaltiti, nell'ultimo triennio, suddivise per tipologia di Codice Europeo Rifiuti (CER).
2. Capitolato speciale d'appalto art. 1 pag. 5 “Oggetto dell'appalto” e art. 37 pag. 30 “Prestazioni dei servizi cimiteriali” Si richiede, la previsione annua per i prossimi quattro anni delle attività di esumazione ed estumulazione suddivise per tipologia.
3. Capitolato speciale d'appalto art. 19 pag. 17 “Tutela dei lavoratori” Si richiede per ogni singolo operatore ora in forza presso la ditta affidataria del servizio e impiegato per i cimiteri del Comune di Monza, quanto di seguito indicato: 1) CCNL applicato ed eventuali contratti integrativi; 2) Orario di lavoro; 3) Il costo aziendale; 4) Livello di inquadramento e specifica in merito alle mansioni; 5) Idoneità alla mansione; 6) Formazioni acquisite.
13) Risposta: 1. In riferimento al quesito, è stato pubblicato tra gli allegati il file “Quantità rifiuti” contenente i dati riguardanti i quantitativi di rifiuti prelevati presso i due cimiteri con indicazione dei CER vigenti in relazione al periodo temporale esposto.
2. In riferimento al quesito, le previsioni delle attività di esumazione e di estumulazione sono indicate nel computo metrico estimativo, consegnato all’atto della presa visione dei luoghi.
3. 1) Vedasi chiarimento n. 9; 2) Vedasi CSA, gli artt. 37, 38 e 39; 3) Ogni ditta deve determinare il proprio costo aziendale; 4) Vedasi chiarimento n. 9. Si specifica che i 2 operai con contratto edile risultano inquadrati rispettivamente in operaio specializzato e operaio qualificato; 5) Idoneità alla mansione: in sospeso; 6) Formazioni acquisite: attualmente le due unità destinate alle operazioni cimiteriali, in qualità di operai, sono in possesso rispettivamente dei seguenti attestati:
Operaio specializzato:
- Attestato di “operatore per gru mobili autocarrate e semoventi (senza falcone)”;
-  Attestato di frequenza - primo soccorso
-  Attestato di frequenza – corso di aggiornamento - servizi ambientali - rischio alto
-  Attestato di frequenza – addetto alle emergenze incendio
Operaio qualificato:
 - Certificato di frequenza e di apprendimento “Lavoratori addetti al montaggio, smontaggio e trasformazione di ponteggi”;
- Attestato di frequenza – formazione generale - servizi ambientali - rischio alto
- Attestato di frequenza – formazione specifica - servizi ambientali - rischio alto.

14) Quesito: 1. Capitolato speciale d'appalto art. 22 pag. 19 “Cantieri, attrezzature ed obblighi dell'appaltatore” Si richiede se le forniture di cassettine, cofani in cellulosa e barriere, sono  a carico dell'appaltatore.
2. Capitolato speciale d'appalto art. 40 pag. 39 “Prestazioni dei lavori di manutenzioni infrastrutture e attrezzature cimiteriali” Si richieide se le forniture dei cordoni delimitanti le tombe, di ghiaietto, terra mista di cava e asfalto da utilizzare per il livellamento dei viali, sono  a carico dell'appaltatore.
14) Risposta: 1. L’art. 22 del CSA indica esplicitamente al primo capoverso “Si intendono comprese nel prezzo dei servizi e perciò a carico dell’appaltatore le spese relative…(segue descrizione)”. Inoltre, sempre l’art. 22 recita, sono a carico dell’appaltatore: le spese per attrezzi e opere provvisionali e per quant’ altro occorre all’esecuzione piena e perfetta dei servizi. L’ appaltatore deve provvedere inoltre a dotarsi, a sue spese, di materiali e di mezzi d’opera, compresi quelli che siano richiesti ed indicati dal Direttore per l’esecuzione del contratto per essere impiegati per l’esecuzione dei servizi in contratto.
I servizi cimiteriali dovranno esser svolti secondo le modalità e descrizioni comprensivo dell’impiego di materiali indicati nel documento denominato “lista delle lavorazioni e forniture – descrizione” e compensate ad unità di misura secondo quanto indicato nella lista dei prezzi offerti in sede di gara.
2. In riferimento al quesito, le forniture indicate sono a carico dell’appaltatore per l’esecuzione delle operazioni di servizi cimiteriali. Nel caso in cui vengano ordinate dal Direttore per l’esecuzione del contratto nuove od ulteriori opere quali ad esempio il completamento di nuovi campi di sepoltura con cordonature ecc.., materiali e relative lavorazioni saranno computate a misura secondo il prezzo proposto dall’appaltatore indicato nella lista delle lavorazioni e forniture – indicazione prezzi offerti in sede di gara.

15) Quesito: 1. Il disciplinare di gara punto 8. Documentazione attestante la capacità tecnica dell'impresa: prevede in caso di partecipazione in ATI di tipo verticale, che i requisiti di cui alle lettere a) ed e) devono essere possedute pena esclusione dalla Capogruppo, invece quelli di cui alle lettere b) c) d) pena esclusione dalla mandante.
Se la mandataria è in possesso dei requisiti di cui ai punti a) b) d) e) mentre la mandante dei soli requisiti di cui al punto c), al fine della partecipazione della procedura, può essere costituita un ATI di tipo verticale con Imprese in possesso di requisiti strutturati in forma diversa da quanto previsto al punto 8): mandataria requisiti previsti ai punti a) b) d) e), mandante requisiti previsti al punti c).
2. può essere costituita un ATI di tipo verticale come di seguito strutturata: Impresa mandataria (servizi) per i servizi punti a) b) c) d) e) di cui al cap. II.2 del bando di gara nella misura del 100% dell'importo complessivo; impresa mandante (gestione rifiuti) per i soli servizi smaltimento rifiuti speciali punto b) di cui al cap. II.2 del bando di gara ed in caso affermativo si chiede: i requisiti di capacità economica e finanziaria, aver realizzato negli ultimi tre esercizi finanziari (2013-2014-2015) un fatturato complessivo pari o superiore ad € 3.000.000,00 previsti al capo III.2.2) del bando di  gara possono essere cumulativamente dimostrati da entrambe le associate, ossia € 2.400.000,00 per l'impresa mandataria che ha realizzato servizi cimiteriali, custodia, pulizia - € 600.000,00 per l'impresa mandante che ha realizzato servizi di gestione e smaltimento rifiuti.
3. l'impresa mandataria, per gli interventi di manutenzione ordinaria delle infrastrutture ed attrezzature cimiteriali previste al punto d) cap. II.2.1 del bando può far ricorso all'avvalimento dei requisiti nella categoria OG1 da altra impresa.
4. nelle informazioni complementari punto c) si fa riferimento per la procedura di individuazione delle offerte anormalmente basse, all'art. 86 comma del D. Lvo 163/2006; in caso di offerte superiori a 5, ossia con l'esclusione arrotondato all'unità superiore rispettivamente delle offerte di maggior ribasso e di quelle di minor ribasso incrementato dello scarto medio aritmetico dei ribassi percentuali che superano la predetta media. Nella procedura di aggiudicazione del Disciplinare di gara si richiama la determinazione della soglia di anomalia come previsto dall'art. 86, comma 1 del D. Lgs 163/2006, non prevedendo ai sensi dell'art. 124 comma 8 (per servizi e forniture) l'esclusione delle offerte che presentano una percentuale di ribasso pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi dell'art. 86. Si chiede di conoscere se l'aggiudicazione avverrà alla prima impresa non anomala ossia per difetto inferiore alla soglia di anomalia o a quella che ha formulato il maggior ribasso in sede do offerta rimasta in graduatoria in seguito all'esclusione del 10% delle offerte di maggior e minor ribasso.
5. Art.39 del CSA – Si chiede se il servizio di custodia e sorveglianza dei due cimiteri per le tre guardiole presenti nei singoli cimiteri deve essere svolto da 6 unità utilizzate in contemporaneo oppure da tre unità che si alternano durante l'arco temporale di apertura dei cimiteri.
15) Risposta: 1. Premesso che la stazione appaltante non può fornire chiarimenti rispetto alla composizione A.T.I. essendo tale valutazione rimessa alla competenza esclusiva del seggio di gara, si evidenzia che il disciplinare di gara al punto 8 stabilisce che In caso di R.T.I. Verticale i requisiti di cui alle lettere a) - e) devono essere posseduti, a pena di esclusione, dalla Capogruppo. Resta inteso che nel caso in cui la Capogruppo abbia anche ulteriori requisiti, la stessa possa partecipare alla gara con i requisiti posseduti.
2.  La stazione appaltante non può fornire chiarimenti rispetto alla composizione A.T.I. essendo tale valutazione rimessa alla competenza esclusiva del seggio di gara.
Rispetto al requisito di cui al punto 7 pagina 5 del Disciplinare si conferma la prescrizione di gara:  “In caso di A.T.I. il requisito del fatturato deve essere posseduto, a pena di esclusione, dalla capogruppo nella misura minima del 40%, la restante percentuale deve essere posseduta cumulativamente dalle mandanti, ciascuna nella misura minima del 10% (fino a raggiungere il 100% del predetto requisito). La mandataria, in ogni caso, deve possedere il requisito, a pena di esclusione, in misura maggioritaria”.
3. E' ammesso l'avvalimento nel rispetto delle prescrizioni stabilite a pag. 9 del Disciplinare di gara e dall'art. 49 del D. Lgs. n. 163/06.
4. Si conferma la prescrizione stabilita nella sezione VI.3) INFORMAZIONI COMPLEMENTARI  del bando lettera c) “si procederà alla individuazione delle offerte anormalmente basse ai sensi dell'art. 86, comma 1, del D.Lgs. 163/2006; nel caso in cui il numero delle offerte presentate sia inferiore a 5 non si darà luogo all'applicazione dell'art. 86, c. 1, e si procederà ai sensi dell’art. 86, comma 3, del D. Lgs. n. 163/06” La disciplina di gara non contiene alcun richiamo all'art. 124, comma 8 del D. Lgs. n. 163/06.
5. In riferimento all’art. 39 del CSA, si specifica che l’esecuzione dei servizi di custodia e sorveglianza dei due cimiteri saranno svolti da un minino di n. 6 unità operative impiegate contemporaneamente e ripartite sui due cimiteri, durante l’arco temporale di apertura dei cimiteri. 

Integrazione alla risposta 13) Punto 3. 4) e 5) in aggiunta a quanto già comunicato dall'Impresa Sangalli "che il personale consta di 1 operaio specializzato e 1 operaio qualificato", l'Impresa Nuova Malegori ha comunicato di avere alle proprie dipendenze 1 necroforo abilitato.

 

Data creazione: Mon Mar 14 09:27:48 CET 2016

Pagine collegate

Monza è

Un progetto per promuovere, valorizzare e tutelare il patrimonio motoristico italiano presente nei diversi territori

Attract - Valorizzazione del territorio

Un accordo in cui Comune e Regione Lombardia si impegnano a mettere in atto azioni concrete per favorire gli investimenti sul territorio.

Bando Sto@

Per incentivare e rilanciare le attività commerciali, del turismo e dell’artigianato di servizi.

Contrasto al Gioco d'azzardo

Bandi per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di contrasto al gioco d’azzardo patologico.

Musei civici di Monza

Oltre 140 opere di arte e di storia cittadina.

Matrimoni e Unioni Civili in Villa Reale

E' possibile celebrare le nozze e costituire unioni con rito civile nella splendida cornice della Villa Reale

Itinerari ciclabili

36 km di itinerari ciclabili da scoprire

Tenga il resto - contro lo spreco alimentare

Il pasto non consumato si può portare a casa.

Monzaccessibile

Luoghi pubblici accessibili alle persone con disabilità

Defibrillatori in città

40 defibrillatori in città per prestare un primo soccorso alle persone in arresto cardiaco.

Aiutaci a migliorare